martedì 20 marzo 2012

Quali tecnologie per il futuro della scuola?


Bambini come sherpa con zaini carichi di libri di testo che giornalmente passano da casa a scuola e viceversa. Compiti per gli studenti assenti che vengono ancora affidati a fotocopie e genitori volonterosi che li copiano. Tutte queste sembrano pratiche tipiche di qualche decina di anni fa e non del 2011 dove sono disponibili numerose alternative elettroniche che meriterebbero di essere correttamente valutate nell'ambito della didattica.
I semplici libri elettronici permettono di disporre dei libri di testo in una leggera tavoletta spessa qualche millimetro. Questi libri elettronici permettono di essere aggiornati costantemente con testi, schemi e disegni e possono essere gestiti centralmente dal docente.
Il passaggio di una semplice memory card il cui contenuto può essere tranquillamente spedito per posta elettronica o condiviso sul sito scolastico permetterebbe di passare i contenuti a distanza, per esempio agli alunni assenti.
Gli e-book potrebbero inoltre essere sincronizzati con le lezioni svolte attraverso le cosidette LIM (lavagne interattive) di cui nella sezione videoteca di questo blog sono già disponibili alcuni video d'esempio.
Insomma, quello appena descritto potrebbe apparire fantascienza eppure è già disponibile a prezzi accessibili e meriterebbe di essere approfondito.
A Paderno Dugnano sembra che alcune scuole ne abbiano già previsto l'utilizzo sperimentale. Eppure, come illustrato nell'articolo qui sopra, non tutti gli interessati concordano.
Ecco perfettamente in tema con questo blog un argomento che meriterebbe di essere approfondito perchè per forza di cose bisognerà farci i conti e potrà rappresentare un elemento fondamentale per la scuola del futuro. Cosa ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento

Google+ Followers